La cura della persona e dell’ambiente di lavoro come opportunità di crescita per le organizzazioni

La crisi economica, unita a quella dei sistemi di welfare tradizionali e al grande sviluppo delle tecnologie, ha contribuito a portare al centro dell’attuale dibattito pubblico e politico – non solo italiano – il tema del reddito di base.

Il necessario ripensamento dei metodi di assistenza sociale e la possibile perdita di numerosi posti di lavoro a causa delle nuove macchine in grado di sostituire l’uomo hanno fatto sì che l’idea di un reddito uguale per tutti e incondizionato (indipendentemente dalla ricchezza personale e dalla ricerca di un lavoro) sia passata oggi da una lontana utopia a una concreta realtà. Leggi tutto >

L’accordo interconfederale del 9 marzo 2018 tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil si conclude definendo un’opportunità condivisala valorizzazione di forme di partecipazione nei processi di definizione degli indirizzi strategici dell’impresa”. Mi preme sottolineare la portata ‘rivoluzionaria’ di questo enunciato, che apre a una concezione estesa della partecipazione.

L’accordo punta in direzione di un sistema di relazioni industriali più efficace e partecipativo, considerandolo necessario soprattutto per rispondere alle esigenze dei settori emergenti dell’economia. In particolare, per qualificare e realizzare i processi di trasformazione e di digitalizzazione nella Manifattura e nei servizi innovativi, tecnologici e di supporto all’industria. Leggi tutto >

Quando ci si accinge a discutere di democrazia industriale il primo problema da affrontare è quello di mettere a fuoco con precisione l’oggetto del discorso, dato che questa espressione è stata intesa, nella storia e nella letteratura giuridica – recente e non – in una gamma di accezioni alquanto vasta. Inoltre, le è stato attribuito un valore tale da portare a un’intersecazione con i campi delle scienze politiche e sociali, grazie anche all’influenza esercitata dalle varie tendenze ideologiche. Leggi tutto >

Autonomia, innovazione, partecipazione. La pre-intesa tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil su un rinnovato modello contrattuale s’impernia, come ha evidenziato Giampiero Falasca su Il Sole 24Ore, su queste tre parole chiave, sostantivi e non aggettivi.

Autonomia riconosciuta a ogni categoria di adottare ogni necessaria variante allo schema, finora eccessivamente rigido, del Ccnl: il contratto collettivo funzionerà come una grande cornice entro la quale si iscriveranno i contratti di categoria assumendone le linee guida, i Trattamenti economici minimi (Tem) e il Trattamento economico complessivo (Tec) che comprende anche gli ulteriori istituti economici che il contratto riconoscerà a tutti i lavoratori del settore. Autonomia è perciò la facoltà lasciata alle singole categorie di scegliere il peso e lo spazio da attribuire al primo e al secondo livello contrattuale, ma è anche il valore differenziale che s’intende attribuire al livello aziendale. Leggi tutto >

  • 1
  • 2
  • 9

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano