La cura della persona e dell’ambiente di lavoro come opportunità di crescita per le organizzazioni

Il benessere all’interno di un’azienda dipende da diversi fattori, tra i quali la felicità dei dipendenti. Per quanto sia difficile misurare in termini di produttività i risultati del benessere, molti studi dimostrano che un dipendente felice si assenti meno e sia più disponibile e ingaggiato nei confronti dell’azienda.

Proprio di benessere —del dipendente e dell’organizzazione in generale— si è parlato l’11 e 12 giugno 2019 all’evento Wellfeel promosso dalla casa editrice ESTE presso il Palazzo delle Stelline a Milano. Una due giorni ricca di spunti e dibattiti, dove sono emerse molte idee e altrettanti metodi per applicare il welfare e renderlo parte integrante della vita aziendale. Leggi tutto >

Aziende e dipendenti hanno obiettivi differenti, ma le esigenze dell’uno e dell’altro possono essere soddisfatte grazie alla salute del dipendente. Per poter creare benessere nei propri lavoratori però, non sono sufficienti benefit e premi di risultato, è necessario che il luogo di lavoro stesso sia orientato alla cura.

Dai complementi d’arredo alla mensa – se presente – tutto deve ruotare attorno alla salute delle risorse: sedie ergonomiche, corretta alimentazione, spazi per favorire le relazioni. Leggi tutto >

Welfare

La convergenza fra obiettivi aziendali e bisogni del dipendente è un traguardo che, con il giusto impegno, risulta realmente perseguibile. Per farlo è però necessario intraprendere alcune azioni volte a facilitare il raggiungimento di questo obiettivo.

Fra i comportamenti da adottare è fondamentale saper creare delle reti, coinvolgendo le risorse più svantaggiate e le PMI.

Franca Maino, Direttrice Laboratorio Percorsi di secondo welfare e Ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche presso l’Università degli Studi di Milano, ha spiegato all’evento Wellfeel, promosso dalla casa editrice ESTE, come il fare rete sia una sfida da raccogliere per passare da welfare aziendale a welfare territoriale, “trovando soluzioni collettive e aprendo a interessi comuni”. Un’ulteriore facilitazione, secondo Maino, riguarda la ricerca di attori “che facciano da collante fra i partner delle reti e i territori, per favorire delle scelte condivise”. Leggi tutto >

wellfeel 2019

Le imprese del secolo scorso hanno incentrato la loro attività sul modello taylorista dove i dipendenti dovevano obbedire ciecamente al proprio capo, senza poter fermarsi a pensare al perché fare un’azione piuttosto che un’altra.

Già da diversi decenni però si è passati da un modello verticale a uno orizzontale, dove non solo il lavoratore è libero di pensare, ma deve pensare. Questo, come sottolinea Stefano Zamagni Docente di Economia Politica presso Università degli Studi di Bologna, è necessario in quanto “non si può pensare che poche persone, per quanto intelligenti esse siano, possano pensare per tutti”. Leggi tutto >

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2019 ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - segreteria@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano