La cura della persona e dell’ambiente di lavoro come opportunità di crescita per le organizzazioni

Diversity management: la diversità ha tante sfaccettature

, , ,

Di inclusione delle diversità in azienda se ne è iniziato a parlare già 30 anni fa negli Stati Uniti. Negli ultimi tempi il tema è molto sentito anche in Italia, tant’è che, secondo gli esperti, è in aumento nel nostro Paese il numero di persone che ricopre il ruolo di Diversity Manager. Ma quali sono le peculiarità di questa figura professionale? Secondo Valentina Dolciotti, autrice del libro Diversità e inclusione, intervenuta alla Discussione organizzata da ESTE sull’impatto delle diversità sulle organizzazioni, in genere, chi si occupa di diversità in azienda è una persona delle Risorse Umane cui viene delegata anche questa responsabilità.

Non esiste quindi un riferimento e sono ancora le grandi aziende a essere leader sul tema. Ma il motivo per cui anche le PMI, a piccoli passi, si stanno muovendo è che la percezione della diversity in Italia sta cambiando grazie all’aumento del numero di donne nei Consigli d’Amministrazione (secondo il Ministero per le Pari Opportunità, siamo al 29% nel 2017); la presenza di più immigrati nella popolazione aziendale (secondo l’Istat, nel 2017 ci sono stati 326mila stranieri residenti in Italia occupati in più rispetto al 2016); l’internazionalizzazione, ‘figlia’ della digitalizzazione e, infine, per effetto dell’invecchiamento della popolazione (secondo l’Istat, l’Italia è tra i Paesi più ‘vecchi’ al mondo).

Nella Rubrica La Rosa dei Venti, pubblicata sul numero di Dicembre 2017 di Sviluppo&Organizzazione abbiamo raccolto i commenti di Silvia Belvedere Mazzetti di Mazzetti di Altavilla, Alessandra Sangoi di Gruppo Sangoi, Cristina Toscano di Intesa Sanpaolo, Laura Guzzetti di UPS Italia, Maria Elisa Cesari e Sarah Bonte di Cnp Vita, Gioia Ferrario di The Boston Consulting Group, Gianfranco Chimirri di Unilever Italia sulla gestione della diversità in azienda dai Millennial, alle donne, dalle categorie protette, agli LGBT. Aziende manifatturiere, multinazionali, banche, società di servizi, il tema della diversity è trasversale ed è necessario affrontarlo. Le realtà che abbiamo intervistato sono esempi di best pratice che con inteventi mirati, per esempio ideando processi di selezione ad hoc, o attraverso gruppi di lavoro di volontari hanno ideato iniziative per la tutela della diversity.

L’articolo completo è pubblicato sul numero di Dicembre 2017 di Sviluppo&Organizzazione.
Per leggere l’articolo acquista la versione .pdf scrivendo a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434419).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano