La cura della persona e dell’ambiente di lavoro come opportunità di crescita per le organizzazioni

Tag: benessere

Il benessere in azienda è una questione complessa. Come fare in modo che le persone stiano bene e siano costantemente tese a dare il meglio? Nel mondo occidentale ha fatto breccia la politica dell’incentivo (chi pilota un aereo farà il possibile per riportare i passeggeri a terra, ma chi sull’aereo non ci sale, sarà motivato allo stesso modo ad avvitare i bulloni dei carrelli?). Le filosofie orientali queste dinamiche le hanno già risolte con il senso del dovere che nasce per esempio dall’idea del karma e il problema di incentivare a fare di più e meglio non si pone con la stessa rilevanza. Leggi tutto >

L’azienda trevigiana di information technology ha attivato un percorso sperimentale per aiutare i dipendenti a riconoscere e gestire i propri stati emotivi e creare relazioni empatiche con gli altri

Eurosystem, da sempre attenta all’innovazione non solo tecnologica, seguendo l’esempio di Google ha preso in mano un aspetto dell’azienda legato al benessere di chi ci lavora.

Su questo argomento recenti studi realizzati da importanti centri di ricerca americani, svolti nel corso degli ultimi 20 anni e riguardanti centinaia di aziende in tutto il mondo, hanno dimostrato un legame concreto fra ‘job satisfaction’, la produttività e redditività dell’azienda. Leggi tutto >

Gli impegni spesso contrastanti tra la gestione dei figli e le esigenze del lavoro sono uno dei motivi principali che portano molte donne ad abbandonare l’attività lavorativa dopo la maternità. Secondo una recente indagine Regus,fornitore di spazi di lavoro condivisi, il 77% dei manager e degli imprenditori italiani ritiene che losmart workingpossa essere la chiave per attirare e mantenere al lavoro le madri lavoratrici, assicurando così all’azienda professionalità e competenze.
Il lavoro agileè, quindi, una modalità organizzativa che può contrastare il fenomeno dell’abbandono del lavoro di molte donne dopo la maternità e può contribuire ad accrescere il PIL attraverso una maggiore partecipazione femminile alla forza lavoro. Leggi tutto >

Alla vigilia dell’entrata in vigore della norma (1 luglio 2015) che aumenta a 7 euro la soglia di detassazione per i soli buoni pasto elettronici, da Edenred arrivano i primi dati reali sull’accoglienza delle aziende e dei lavoratori.

 

Dopo 17 anni torna a salire la soglia di detassazione per i buoni pasto, utilizzati oggi da circa 2,3 milioni di lavoratori in circa 150mila esercizi convenzionati, per un totale di oltre 500 milioni di transazioni annue. Dal 1 luglio il valore esentasse dei soli buoni pasto elettronici passerà, quindi, da 5,29 a 7 euro, allineandosi così progressivamente al costo della vita, come accade in altri Paesi europei.
Pochi giorni prima dell’entrata in vigore della legge, Edenred registra già un sensibile aumento delle richieste di buoni pasto digitali.
“Rispetto a un anno fa – spiega Andrea Keller, Amministratore Delegato di Edenred Italia – abbiamo l’85% in più di volumi derivanti da card elettroniche e da soluzioni mobile. Significa che le aziende italiane hanno capito il potenziale insito negli incentivi introdotti a dicembre con la Legge di Stabilità e reputano il buono pasto uno strumento di welfare utile per contribuire al benessere, alla produttività e al potere d’acquisto dei dipendenti.”
La riforma offre alle aziende l’opportunità di investire fino a 500 milioni di euro supplementari sul potere di acquisto dei propri dipendenti. Avere a disposizione 1,71 euro in più al giorno equivale infatti a circa 400 € in più all’anno di reddito netto disponibile per ogni lavoratore beneficiario. Se poi si moltiplica il valore del buono pasto per 220 giorni lavorativi, 2.300 dipendenti potranno accedere a un potere d’acquisto fino a 1.500 euro annui, spendibili nella filiera dei prodotti alimentari di immediato consumo, a sostegno del commercio di prossimità del nostro Paese.
“Nel giro di tre anni – conclude Keller – i buoni pasto digitali, che oggi hanno una quota di mercato del 15-20%, saranno la metà di quelli in circolazione. Questa riforma contribuisce, inoltre, alla digitalizzazione della rete degli esercenti, aprendo nuove opportunità per il pagamento elettronico. La nostra rete di terminali elettronici si estende del 30% all’anno e ha raggiunto circa 35mila POS capaci di accettare anche il pagamento tramite carta di debito, credito o bancomat. Si tratta oggi della rete di accettazione più diffusa del mercato.”
Anche i lavoratori, infine, si dicono consapevoli dei benefici che possono scaturire da questa forma di welfare aziendale: da una recente indagine commissionata da Edenred all’istituto di ricerca Ipsos, infatti, emerge che più del 70% degli italiani è convinto che i buoni pasto sostengano i consumi e aumentino il potere d’acquisto. Leggi tutto >

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano