La cura della persona e dell’ambiente di lavoro come opportunità di crescita per le organizzazioni

Tag: Gi Group

Moms@work

Dopo le tanto commentate quote rosa arrivano le misure del governo in favore di quella che viene chiamata ‘genitorialità condivisa’.

Da quest’anno il numero di giorni di congedo parentale obbligatorio per i papà lavoratori sono passati da 2 a 4. I papà che lavorano come dipendenti possono inoltre astenersi dal lavoro per un ulteriore giorno in sostituzione della madre che rinunci a un giorno di congedo obbligatorio a lei spettante. Leggi tutto >

In contesti sempre più mutevolida affrontare,HR Manager, CEO e imprenditori necessitano oggi di nuovi modelli per migliorare la gestione delle persone allineandola agli obiettivi strategici dell’impresa e alle sue evoluzioni future, sia in caso di sviluppo sia di riorganizzazione interna. Per rispondere a queste e ad altre esigenze, la multinazionale del lavoro Gi Group ha messo a punto Gi Group Star Matrix. Leggi tutto >

Alla luce degli scenari attuali, in presenza di una forte contrazione delle iniziative di welfare pubblico, il mondo privato ha sempre più l’opportunità di sperimentare nuovi modelli e percorsi tesi a venire incontro alle esigenze dei lavoratori e delle loro famiglie. Le diverse esperienze maturate nel nostro Paese testimoniano l’interesse crescente verso questa tematica da parte di aziende e istituzioni.
Sono tantissime le proposte che le aziende possono mettere in atto a sostegno dei propri dipendenti e del territorio nel quale operano – iniziative di conciliazione vita-lavoro, piani strutturati di flexible benefit e buone pratiche di welfare ‘di territorio’. Tuttavia rimangono aperti molti interrogativi. Come diffondere una cultura del welfare in azienda? Come rispondere alle esigenze di una popolazione aziendale vasta, dunque portatrice di bisogni differenti? Come sviluppare un piano di welfare competitivo e innovativo rispetto ai servizi offerti e in linea con il benessere delle persone nelle organizzazioni? Come, infine, si può fare welfare anche nelle PMI?
Con l’aiuto di accademici ed esperti, aziende e alcuni principali attori del mercato, abbiamo cercato di rispondere a queste domande all’evento milanese Welfare Aziendale: ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale che si è tenuto lo scorso mercoledì 15 aprile. Leggi tutto >

A pochi giorni dal via libera al decreto in materia di ammortizzatori sociali e ricollocazione dei lavoratori disoccupati, Cetti Galante, amministratore delegato di Intoo, rilascia una sua riflessione in merito.

“In questo ambito il contratto di ricollocazione (art.17) rappresenta una vera innovazione nell’ottica di ribilanciare finalmente le risorse delle politiche passive (la nuova ASPI – denominata NASPI, Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) con quelle delle politiche attive, che si affiancano da subito per supportare il lavoratore disoccupato nella ricerca della nuova occupazione.
La partecipazione attiva al contratto di ricollocazione è anche condizione essenziale per l’erogazione del sussidio. Tuttavia rimangono non chiari i meccanismi attuativi della condizionalità, essendo il fondo per le politiche attive rimasto sotto la competenza del Ministero del Lavoro anziché di competenza dell’INPS. Leggi tutto >

  • 1
  • 2

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano