La cura della persona e dell’ambiente di lavoro come opportunità di crescita per le organizzazioni

Competenze

Nuove competenze per nuove professioni

, , ,

Le competenze

Il tema delle competenze percorre sempre più estesamente ogni riflessione e ogni progetto che riguardi il mondo del lavoro e quello dell’istruzione. La ricchezza e la complessità delle elaborazioni scientifiche e professionali su questo tema e la criticità dell’uso che se ne fa in entrambi i domìni richiedono – come dice il titolo del volume Le competenze, una mappa per orientarsi (Fondazione Agnelli, 2018) – una mappa per orientarsi.

Come spiego brevemente in questo articolo, l’approccio e la strumentazione sulle competenze possono essere strumenti preziosi per gestire il lavoro e i sistemi educativi, ma possono diventare un alibi quando vengono visti come una alternativa alla (difficile, ma indispensabile) progettazione di nuove idee di forme di lavoro e di sistemi educativi.

Il libro è uno strumento di lavoro e non lascia spazio ad alibi. Il denso volume, promosso da una collaborazione fra Fondazione Agnelli e dall’Associazione Scuola Democratica, è curato da Luciano Benadusi, già Ordinario all’Università Sapienza e uno dei maggiori esperti italiani di Scienze dell’Educazione, e da Stefano Molina, Dirigente di Ricerca della Fondazione Agnelli.

Esso contiene una serie di contributi di studiosi che danno conto in modo approfondito della letteratura e delle controversie che hanno accompagnato lo sviluppo delle idee e delle strumentazioni sulle competenze. Sono stati inoltre consultati in varie forme esperti e operatori del mondo del lavoro e dell’istruzione. Il sito della Fondazione Agnelli riporta i materiali che hanno fornito la base per la sintesi contenuta in questo volume.

Lavoro fluido e instabile

Il capitolo iniziale di Assunta Vitteritti ci aiuta a capire le ragioni della popolarità delle competenze nel mondo del lavoro e nell’istruzione. La prima è data dalla crescente fluidità e instabilità del lavoro che ha portato progressivamente a descrivere meglio le job requirement, man mano che questi lavori sono andati cambiando e divenendo sempre più evanescenti.

La seconda è che i sistemi di istruzione e di formazione pubblici – dalla scuola media all’università – che avevano nel passato privilegiato l’insegnamento e l’apprendimento delle conoscenze e delle discipline, si sono irrigiditi nella architettura dei titoli di studio e delle strutture scolastiche autorizzate a erogarli e si sono rivelate scarsamente capaci di favorire l’interdisciplinarietà, le capacità di affrontare l’inaspettato e l’apprendimento delle capacità sociali di incidere sui comportanti e far crescere le soft skill.

Vedremo nelle conclusioni che l’urgenza di fronteggiare queste due esigenze è stata al tempo stesso la forza e la debolezza dell’approccio e delle metodologie basate sulle competenze. Vitteritti rivisita le categorie ormai entrate nel linguaggio comune: dal modello multifattoriale di Spencer e Spencer – che distingue “sapere, saper fare, saper essere” – al modello tridimensionale di Benadusi e Di Francesco, che distingue “competenze di base, competenze specialistiche e competenze trasversali”, categorie che si sono diffuse senza confini tra mondo del lavoro e mondo dell’istruzione.

Queste categorie sono presto diventate norme, come nel modello ISFOL o il Quadro europeo delle qualifiche professionali (EQF). Si è creato inoltre un infinito proliferare di liste di competenze, di descrittori.

Per proseguire nella lettura dell’articolo, leggi il numero di Agosto/Settembre 2018 di Sviluppo&Organizzazione.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano